Day of Deads

Non voglio parlare di film sugli Zombie, ma di celebrazione dei defunti. Andando a spanne, non credo che ci siano culture che inveiscano contro i propri defunti (salvo probabilmente casi singoli), per cui dovrebbe essere una celebrazione rispettosa, un modo per ricordarli.
Poi ognuno lo fa a modo suo e in questo non c’e’ nulla di male. (In particolare nei paesi anglosassoni è più un’occasione festosa che di contrizione, come accadeva da noi una volta. Ora si va in vacanza. Da un eccesso all’altro)
Stando a Fede (Emilio), ci sarebbero milioni di italiani che approfittano del ponte per andare a fare un po’ di vacanza.
In effetti la conferma arriva da infotrafic : e’ vero, ci sono diverse zone con rallentamenti e sulla A4 il traffico e’ addirittura critico (vabbe’ con tutti i lavori che ci sono, sarebbe critico anche se ci fossero due motorini e una lambretta).

Propongo di mettere i cimiteri in localita’ di villeggiatura per favorire la ritualita’ degli italiani, senza privarli della voglia di evasione che hanno.