Fenomenologie da parco acquatico…

I piu’ attenti frequentatori di questo blog avranno seguito gia’ i precedenti articoli sui frequentatori di spiaggie in periodi non vacanzieri e vacanzieri.

Concludiamo l’analisi, salutando l’estate, con alcuni fenotipi visti al parco acquatico delle caravelle di Ceriale, giusto ieri (sabato 6 settembre 2008).

  • La ragazza pandoro: caratterizzata dalle misure 30-60-90, più o meno attorno ai 12-13 anni, è un esempio del fatto che le merende del mulino bianco e le trasmissioni di Maria de Filippi, andrebbero messe fuorilegge. La ragazza pandoro ha una panzotta ributtante, ma non disdegna di indossare un costumino che costringe la zona addominale a fuoriuscire dalla sede preposta. L’effetto complessivo è terrificante. Come se non bastasse, la zona ventrale è probabilmente anche il centro nevralgico dell’autostima, tanto che colei si crede Angelina Jolie e non esita a lanciare malaparole a chi la insulta (“chi hai chiamato mostro di lochness?” che poi in realtà  si tratterebbe di una stima ottimistica). In presenza della Mamma, la ragazza pandoro ha la funzione di coagulante sociale, infatti non vede l’ora di far accoppiare la sua amichetta del cuore, con uno dei ragazzi cipolla che sa stravedere per l’amichetta. (maggiori dettagli sotto)
  • L’amichetta del cuore: biondina, occhi chiari, una ragazza davvero graziosa che stravede per un ragazzo cipolla. Ma deve dichiararsi lei al ragazzo, altrimenti i rituali sociali moderni non possono essere compiuti. Ma lei e’ timida (o finta timida, magari in privato è ‘na zozzona.) e anche di fronte al ragazzo (che e’ spallleggiato da 2 amici, tutti complici) non riesce a trovare il coraggio di dichiararsi. Magari fosse facile come dalla DeFilippi. La morale e’ che il ragazzo dopo un po’ se ne va e l’amichetta rimane a vag… bocca asciutta. Ma ci pensa la ragazza pandoro! Trova immediatamente un nuovo ragazzo, interessato a farsi l’amichetta del cuore. Non so come sia andata a finire, a quel punto il mio cervello si e’ spento.
  • Il ragazzo cipolla: così detto perchè si veste a strati al parco acquatico. Ovvero, sotto al costume/bermuda preposti all’immersione, infila un paio di mutande griffate. Non contento, abbassa il costume e alza il bordo elastico delle mutante, generalmente Caaaaaalvin Kleeeein. Generalmente magro, probabilmente giocatore di calcio e mediocremente intelligente, il ragazzo cipolla ha come massima aspirazione il cercare di fare casino, disturbare la tranquillita’ del prossimo, mettere a repentaglio la propria incolumità  saltando e correndo dove non è sano farlo e in generale mettersi in mostra come babbuini in calore.
  • Il gorilla albino: Non manca mai. Un bestione peloso, in età  avanzata. Fortunatamente innocuo, basta non guardarlo negli occhi troppo a lungo.

3 replies on “Fenomenologie da parco acquatico…”

  1. Credevo che il ragazzo cipolla fosse stato etichettato in questo modo per via del caratteristico lezzo che si porta dietro 🙂

    Comunque ti sei dimenticato di Apnea, ovvero il 30something con la panzetta che per nascondere gli effetti dell’età che avanza e della troppa birra sta a pancia in dentro e petto in fuori fino a diventare cianotico ogni qual volta si avvicina ad una sgallettata.

Comments are closed.