Ho il blocco dello scrittore ? No, sto riordinando i pensieri…

Sto veementemente cercando di fare ordine in tutti i miei pensieri razionali e irrazionali, in modo da poter aggiornare il blog più spesso.

Il telefono è l'estensione della mano, come conferma l'immagine...

Il fatto è che non potendo più aggiornarlo durante le giornate lavorative (che sono strapiene di impegni e pensieri) arrivo alla sera che sono praticamente così carico di cose da dire… che me ne sono scordato la metà. Devo seriamente pensare a passare all’iphone, l’applicazione evernote mi sembra la più grande figata che si possa concepire dopo una moleskine. Con lo svantaggio che non ci puoi pasticciare sull’iphone, ma non devi riscrivere le annotazioni della moleskine.

E’ tornato il generale inverno

Cioè è in anticipo, probabilmente ha deciso di prendersi un anticipo di ferie. Comunque fa un discreto freddo, la cosa reca più vantaggi che svantaggi dal mio punto di vista:

  • Finalmente posso indossare beatamente felpe e maglioni senza morire sudato
  • Posso indossare la mia adorata giacca di pelle comprata a Londra <3

    Ecco magari non siamo ancora così...
  • Posso ritirare fuori la trapunta ikea grado di calore 3 e dormire in mutande conscio che non rischio di svegliarmi a cubetti di ghiaccio.
  • Hei, morte alle zanzare!! Per un pò anche questo lembo di terra umida sembra finalmente vivibile.

Non che abbia qualcosa contro le terre umide, la florida è una delle mete che punto a raggiungere nel futuro… sorry Padova, non hai la vitalità, la varietà della Florida. Certo condividete  la quota pro capite di tonnellate di zanzare, ma a parte quello…

Emigration for dummies

Si conferma essere un blog dalla crescita e maturazione notevole. Oltre agli articoli americani di Luigi, ci sono da un pò il diario di una ragazza in turchia e di un ragazzo in spagna. Se non è pluralità di informazione questa, non so cosa può esserlo. Interessante che il blog parli di una contestazione a Ignazio la Russa, di cui non ho sentito nulla… d’altra parte non leggendo quotidiani e non avendo una televisione in casa, non mi considero molto informato… effettivamente appena avrò un iphone, leggerò più spesso i giornali.. americani.

La guerra dei poveri: ovvero ne uccide più la penna…

Ogni tanto a pranzo, guardo la televisione con i colleghi d’ufficio. E’ un rito simpatico, molto cordiale, per conoscere le persone oltre ai ruoli per cui sono preposti. Guardando il TG1, ogni volta mi va quasi di traverso il poco cibo che mangio (sono a dieta, per chi non lo sapesse). Mi bastano questi 20 minuti di trasmissione per vedere quanto in basso siamo finiti. E la voglia di emigrare sale sempre di più… i giornalisti oramai sanno di avere un’arma in mano, il problema è che la usano contro altri giornalisti. Insomma ogni direttore di giornale pensa di essere un piccolo Murdoch. Il risultato è che tutti sono schierati in assetto da battaglia e non sai a chi credere. Vedendo poi l’informazone al contagocce è come vedere un episodio di beautiful all’anno: confusione totale.

Tra questi una voce che mi pare obiettiva, il giornalista e blogger Gilioli di “PIOVONO RANE“: leggetelo perchè è una penna davvero incisiva. Se fosse un personaggio di un videogioco probabilmente sarebbe Sigfrido di Soul Calibur. Della royal rumble dei giornalisti, ne parla anche lui e molto meglio di me.

La dieta (poi finisco, promesso)

Ecco la focaccia è una delle cose che non mi manca proprio in questi mesi, per esempio quella con il pomodorino o quella con le cipolle.. e chiaramente nemmeno quella "bianca" che in liguria e' chiamata "liscia".

Da circa un mese e alcuni giorni sto seguendo la dieta che mi ha prescritto la nutrizionista del centro NaturHouse vicino aPadova (e’ nell’ipercity di Albignasego… si, sti veneti danno nomi davvero strani ai paesi). In totale ho perso circa 5 chili, che sono un buon risultato considerando che non ho mai fatto attività fisica come si deve (tranne spostare il mio peso da casa alla macchina, dalla macchina al lavoro e viceversa). Vado ogni giovedì a fare una visita di controllo, che è gratuita anche se mi prescrivono delle fialette di estratti vari di piante che aiutano la perdita di grassi o di ritenzione idrica. La dieta chiamata “Ampia”, proibisce un tot di cose (sopratutto carboidrati, alcolici, troppo sale) e mi consente di mangiare a sazietà verdure cotte e crude (niente mono e dicotiledoni purtroppo = fagioli e piselli), carne o pesce, formaggi light e poco altro. Insomma in liguria non funzionerebbe con la fugassa appena sfornata.

Smetto appena raggiungo i 95 chili circa, oppure appena trovo una gnoccolona che vuole uscire tutti i giovedì (probabilità inferiore allo 0.05% a Padova, capitale mondiale della “Figa di legno”).

E con questo e’ tutto. Cioè la smetto qua in realtà, perchè alla fine sono buono. (cioè proprio all’ultima riga)

2 replies on “Ho il blocco dello scrittore ? No, sto riordinando i pensieri…”

  1. Pingback: gareth jax
  2. hum.. manca proprio sai il vederci un po’ spesso come una volta.. mi manchi tanto… e leggo quando scrivi, ma non trovo mai nulla di intelligente da commentarti..
    quindi ti mando un abbraccio :°)

Comments are closed.