Lo zen, la vita e la costruzione dei modellini

Lo zen e la costruzione di modellini

Mi appresto ad assemblare il Freedom che avete visto negli scorsi post.

A ben pensarci c’è molto di più di quanto non appaia… sarà  che è il mio primo modellino che assemblo (in realtà  mi pare di ricordare che mi regalarano un F14 tomcat con ali a geometria variabile alle medie,ma non fui in grado di completarlo perchè bisognava incollare dei pezzi).
Questo modello di robot rappresenta qualcosa di più di un giocattolo preso da una serie televisiva.
E’ a tutti gli effetti una metafora della vita.
Assemblare un modellino del genere significa dedicare del tempo a raggiungere un obbiettivo. Significa costanza, significa determinazione.
Le parti di questo modello, se la cosa non vi fosse familiare, vengono stampate in “mascherine”. I pezzi devono essere staccati con delle tronchesine e smussati leggermente dalle inevitabili sbavature. Per questa operazione di rifinitura (senza la quale i pezzi non combacerebbero a dovere) è necessaria una limetta (che dovrò chiedere al mio coinquilino morgus, dovrebbe averla perchè lui pratica molti generi di tridimensionale tra cui l’italianissimo e spettacolare “B.O.B.” ).

Se pensiamo ai pezzi come le persone di un “gruppo”, diventa obbligatorio apprendere che per una coesistenza perfetta bisogna smussare le nostre sbavature. Ognuno di noi le ha, sono il marchio della nostra imperfezione, sono una caratteristica che ci rende unici anche tra migliaia di persone come noi. Così come ogni modello assemblato, alla fine dei conti, sarà  diverso anche se prodotto in serie come infiniti altri.
E’ singolare pensare come le imprecisioni, gli errori, insomma la nostra imperferzione ci rende in realtà …unici. E per questo, preziosi, perchè non riproducibili.

Se pensiamo al completamento di questo montaggio come ad un obbiettivo, io posso tranquillamente dire che ho un traguardo finalmente e ho la consapevolezza di volerlo raggiungere, nei tempi necessari.
Non mi pongo il problema se ne sarò effettivamente in grado… è una domanda che tutti ci poniamo, ma nessuno può anticipare il futuro, possiamo solo sperare che il nostro presente si evolva in un futuro sperato.

E quindi si prosegue, un passo per volta, un pezzo per volta.