Numeri, NuMeRI, numERI.

Sembra l’orsa maggiore ma ci sono più stelle della morte

Questo post potrebbe sembrare criptico. Non è nemmeno una buona idea scrivere tra le due e le tre di notte, ma tanto domani è sabato e a parte comprarmi una camicia per un matrimonio (non il mio chiaramente), non ho altri programmi. E il matrimonio perdincibacco.

Ma diamo un pò i numeri:

150

è il cosidetto numero di Dunbar: rappresenta il numero massimo di relazioni sociali che si possono tenere, cito da wikipedia:

Il numero di Dunbar, conosciuto anche come la regola dei 150, afferma che le dimensioni di una rete sociale in grado di sostenere relazioni stabili sono limitate a circa 150 membri.

Questo numero è stato calcolato attraverso studi di sociologia e soprattutto di antropologia, in relazione alla dimensione massima di un villaggio (in termini più attuali meglio definibile come un ecovillaggio). Nella psicologia evoluzionista viene teorizzato che il numero potrebbe costituire una sorta di limite per l’abilità media degli esseri umani di riconoscere dei membri e tenere traccia degli avvenimenti emotivi di tutte le persone di un gruppo. Altre spiegazioni poggiano su valutazioni più economiche e al bisogno dei gruppi di individuare gli elementi parassitari o disfunzionali, in quanto gruppi più grandi tenderebbero a facilitare la presenza di ingannatori o bugiardi.

Non si parla di Social Media, ma di socializzazione e basta. Insomma nella piccola tribù che ognuno si forma, deve saper identificare le persone di cui fidarsi, con cui confidarsi e con cui legarsi.

Più è grande il gruppo, più grande è la presenza (non la possibilità! E’ una certezza!) di ingannatori e bugiardi. (lo dice la wikipedia). Io aggiungerei vampiri e sanguisughe.

2006

ne è passato di tempo!
ne è passato di tempo!

E’ stato l’anno in cui mi sono iscritto a facebook. Molta gente aveva già abbracciato myspace come il “social media definitivo” e ora vedete cosa ne è rimasto. Già da allora facebook mi aveva dato l’impressione di essere progettato incredibilmente bene, mentre myspace era una carretta sbrilluccicante. Per usare una metafora informatica (degli anni 90), era il geocities degli anni 2000.

Diciamo che in sette anni, uno si fa parecchie idee su come funziona questo strumento, ma sopratutto come ragionano le persone.

A marzo del 2007 comunque mi sono iscritto a Twitter.

1263

Gli “amici” sul mio profilo di facebook, ad oggi. E’ una parola grossa, ovviamente. Gli “Amici” quelli con la “A” maiuscola sono molti meno.

25

mesi, da quando ho iniziato un esperimento sociologico sui social media, davvero interessante: un blocco nei contatti di un “gruppo di persone”, più o meno 160-170 su facebook e almeno 60-70 su twitter.

E solo il 10% dei partecipanti (involontari) ha realizzato che è successo qualcosa ed è stato “sbloccato”. E solo il 5% sa quando è iniziato e per quali motivazioni.

L’esperimento pare confermarlo: un like non è una stretta di mano o un abbraccio. La presenza fisica è importante. Se non la si cerca, vuol dire che non c’è una vera “relazione”: sei un numero.

14

settembre 2013. Oggi (tra un po’ di ore) Claudia e Fabiano si sposano 🙂 Congratulazioni!

 

One reply on “Numeri, NuMeRI, numERI.”

Comments are closed.