Zen 5: il sottile piacere dell’imprevisto

So che qualcuno o forse tutti voi mi odierà  per questo, ma avendo assemblato il primo gruppo di ali, la prima posa che ho fatto fare al Freedom è.. Sailormoon Eternal. Ok, siete liberi di odiarmi 😀

Oggi tra l’altro momentaccio di panico, ho montato le “ali bianche” al contrario, per cui ho dovuto forzare un bel po’ le ali blu per mettere tutto a posto. Temevo di spaccarle, questi pezzi di plastica sono davvero sottilissimi.

Probabilmente questo è dovuto ad una eccessiva confidenza nelle mie capacità : si tende a sottovalutare le difficoltà  e si fa meno attenzione a cose che all’inizio si consideravano molto importanti.

Devo ammettere che però l’eccitazione e l’adrenalina scorrono a fiumi: in sostanza una vita senza imprevisti è alquanto noiosa. Per fortuna non possiamo prevedere tutto, ma quanto ribadito nelle prime parti dello “Zen” rimane valido: prepararsi significa essere pronti a risolvere gli imprevisti con il minor danno e il minor tempo possibile.