Category Archives: Cose da sapere

Facebook e i video: attenzione ai consumi di banda

Ieri facebook ha introdotto una novità per le applicazioni smartphone (non desktop):

Quando scrollate la bacheca e vi viene visualizzato un video, facebook inizierà automaticamente a riprodurlo, in maniera silenziosa.

Questo comporta un problema per chi è su mobile: un consumo involontario di banda, che potrebbe ripercuotersi sui vostri costi o sulla disponibilità mensile!

Fortunatamente (e ci mancherebbe) è possibile disabilitare questa funzione quando non si è connessi ad una rete wifi, l’opzione è nelle impostazioni dell’applicazione facebook.

Screenshot_2014-03-18-21-38-17

…anno nuovo, hosting nuovo…

..e per l’occasione ho anche attivato il tema 2013 di wordpress.

Sono passato a webfaction, perchè oramai sto chiudendo il mio vecchio hosting reseller di hostgator. Si trattava di una attività che avevo intrapreso un po’ per curiosità e un po’ per creare un piccolo business alcuni troppi anni fa .

Ora il mio tempo viene dedicato al 100% alla mia professione di SEO. (link alla mia scheda su linkedin)

E se non sapete cos’e’ un SEO… chiedetemelo 😀

Adesso inserisco un gatto solo per interessare gli eventuali social-cosi su facebook.

Si, non c’entro assolutamente nulla.

Sulle unioni gay

Ascoltando stamattina radio24, l’onorevole Carlo casini ha fatto capire chiaramente l’idea di fondo: se due persone non possono generare figli, non sono una famiglia, stando alla sua interpretazione della carta dei diritti fondamentali dell’uomo.

Quindi care persone sterili e in menopausa, la logica ci dice che siete gay o che la vostra famiglia va dissolta.

Come sempre si vede la pochezza di certi individui.

Ps: non sono gay, ma sono gay-friendly

442 modi per affrontare il 2012

Mancano pochi mesi (solo 12) alla fine di questo 2012.

Sicuramente siete sommersi di preoccupazioni: i maya, la crisi economica, la precarietà del lavoro, la salute, quella tizia che fa tanto la sciantosa ma non ve la molla, insomma sono tutti segni imminenti di un cataclisma definitivo e risolutivo, almeno a sentire i soliti predicatori di sciagure (imminenti).

Ecco il modo con cui potete affrontare questo anno:

Usa la forza Harry! (Gandalf)

Chiaro no ?

Problemi ?

Mi dispiace mentivo

La realtà è che…

Non ci sono scorciatoie per affrontare un anno, è semplicemente una sequenza di 365(+1) giorni da affrontare uno dietro l’altro.

Pensate con la vostra testa, non con quella degli altri e arriverete lontano.

Posa vittoriosa!

Affrontate ogni problema come se fosse una sfida.

Sfida Accettata!

Imparate a fregarvene (don’t five a fuck)

Fuck that!

Amsterdam in tre giorni

Sta per finire una intensa 3 giorni ad Amsterdam dove sono andato a trovare i miei amici romani Giorgia & Daniel che vivono li da qualche mese.
Punti salienti:

  • c’è odore di canne dovunque perché la vendita del fumo e Dell hashish è libera. I non fumatori credo siano la minoranza
  • la città ha una struttura e una architettura particolarissime. Ricorda Venezia per via dei canali, ma non ha palazzi altrettanto antichi. Quantomeno non ha veneziani e leghisti
  • non c’è una cucina tipica, data la natura di porto di mare è un crogiolo di culture. Ha diverse catene di fast food anche atipiche, tipo walk a Wok. Se non riuscite a fare a meno di mangiare pasta e pizza, documentatevi online dove mangiare italiano, oppure andate a Ibiza.
  • gatti e bionde sono ovunque. In generale entrambi sono molto socievoli. Dopo aver contato 59 bionde in tre giovedì, ho rinunciato a tenere il conto
  • le space cake sono buone
  • qua fanno dei croissant salati con formaggio e prosciutto che sono da urlo
  • biciclette! Hanno la precedenza su tutto e sono dovunque! Attenzione che non si fermano e sono stealth (non suonano)
  • a parte qualche cafone, la maggior parte sono gentilissimi
  • traghetti e treni sono puntualissimi. Il treno per Rotterdam aveva anche il wifi! Gratis! Altro che trenitalia
  • in compenso le wifi in città sono quasi tutte chiuse
  • ho mangiato il panino con aringa, cipolla e cetrioli: tutti crudi. È una cosa deliziosa!
  • mi riprometto di tornare più avanti per vedere i musei e magari pure Rotterdam
  • se andate, fatevi una tessera dei mezzi a scalare, altrimenti spendete una cifra
  • la temperatura ricorda milano, ma se tira vento si abbassa di parecchio
  • non ho visto imposte o persiane alle finestre solo tende
  • molte case hanno le vetrate che si vede dentro!!
  • alcune case sono su palafitte o barche, mi chiedo come deve essere viverci
  • prendete scarpe comode, perché camminerete un casino.

Giudizio definitivo una bella città, pulita e ordinata, ma anche interessante da vivere.

20111212-061814.jpg

20111212-061712.jpg

20111212-061945.jpg

20111212-062041.jpg

Fiera Milano 2011: le date da evitare

2 : :rage:
Come evitare di farsi esplodere la testa a milano

Il titolo vi sembrerà un poco strano, ma dovete capire il mio punto di vista di lavoratore pendolare: ogni giorno mi sposto in auto da RHO a MILANO (viale del ghisallo, che rimane tra Viale certosa e il parcheggio di Lampugnano). Sono circa 10 km in linea d’aria, un poco di più seguendo le tortuose strade che hanno fatto per passare attorno alla zona del nuovo polo fieristico.

In genere ci metto 28 minuti per il tragitto casa-lavoro e poco meno di 18 per il ritorno. 

Ieri sera no. Ieri sera il polo fieristico ha vomitato decine di migliaia di persone che si sono riversate su tutte le strade possibili e immaginabili. E io mi sono ritrovato in coda. Senza scampo. E ci ho messo un’ora e mezza per arrivare a casa.  90 minuti per percorrere 10 km. Equivalgono a 9 minuti al km. Sono 6,667 chilometri all’ora. Due bestemmie al minuto quasi.

Panta rei : tutto scorre

..ma scorre meglio evitando il casino, per esempio facendo delle stime delle date critiche della cazzo di fiera di milano-rho, cosa che ho deciso di provare a esplicitare con questo post. Ovviamente in quei giorni mi fermero’ a cenare/aperitivare per la sera, evitando l’orda dei berberei.

Ma andiamo a sciorinare l’elenco degli eventi!

  1. Cavalli a milano – 13 ottobre-16 ottobre. Ingressi 2010: 105.000 visitatori! Valutazione impatto: Sostenibile (il venerdì), Critico il weekend.Prevedo un’invasione di famiglie e bambini.
  2. Host, salone dell’ospitalità professionale: 21-25 ottobre. Ingressi 2009: 145.000. Valutazione impatto: Potenzialmente CRITICO. Anche se il salone dovrebbe riguardare i professionisti della ristorazione e dell’ospitalità, ma prevedo un’invasione di crapuloni attirati dalla prospettiva di mangiare gratis.
  3. Eicma, la fiera del motociclo: 8-13 novembre. Ingressi 2010: 500.000!! Valutazione impatto: CRITICO. Sicuramente un periodo da evitare, prevedo una invasione di tamarri su due ruote. Ma sopratutto tamarri.
  4. RI.ME + BI.MEC –  16-19 novembre: ingressi 2010: 30.000. valutazione impatto: Sostenibile. Si tratta di fiere di automazione, robotica industriale, quindi destinate ad un pubblico di specialisti.
  5. Simei + Enovitis: 22-26 novembre: ingressi 2010: 50.000. valutazione impatto: sostenibile. Si tratta di fiere destinate all’enologia, destinate ai produttori di vini.
  6. L’artigiano in fiera: 4-12 dicembre: Ingressi 2010: 3 MILIONI! Valutazione impatto: OLTRE CRITICO! Si tratta della fiera prenatalizia per eccellenza, con artigiani e ristoratori da ogni parte d’italia. Si tratta di una splendida occasione per trovare regali natalizi. E per prendersi una vacanza da Milano
Queste sono le fiere a maggiore impatto che ho individuato da qua a novembre, se volete maggiori informazioni o consultare l’elenco completo, eccovi il link al calendario fieristico 2011 e oltre.

Ar-Rho-ccato per cause di forza maggiore

Il Debimetro questo sconosciuto

Mi ritrovo bloccato nei dintorni di Rho, perchè la mia povera Yaris ha un problema con un pezzo del motore che il DEBIMETRO. Da buon informatico non avvezzo ai problemi analogici, ho chiesto tre volte di ripetere la parola per essere sicuro di averla capita bene.

Il Debimetro è un pezzo della macchina che misura o regola l’afflusso dell’ossigeno al motore.

In sostanza quando funziona male, la macchina ha improvvisi cali di potenza e strattona un po’: immaginatevi la sorpresa quando ha iniziato a capitarmi venerdi’ mattina che ero sul tratto di autostrada che mi immette in Viale Certosa…

Il problema è che oltre al prezzo (200 e qualcosa euro) devo anche attendere Giovedì che arrivi dal GIAPPONE. Quindi probabilmente questi giorni dovrò trovare metodi alternativi di andare al lavoro…

E questo weekend che faccio ? Mah, a 5-6 km c’e’ un brico center, potrei andare a prendere una abat-jour per la camera da letto e delle zanzariere di quelle adesive, sempre per la camera da letto.

Worst Christmas ever : il peggior natale di sempre

Queste mura gialle del reparto cardiologia del Mauriziano mi hanno oramai nauseato

Contrariamente alle mie aspettative, questo natale e questo capodanno, si annunciano i peggiori di sempre.

Se mi avete visto sparire improvvisamente dall’online, tranne qualche breve comparsata è perchè domenica mio padre è stato ricoverato d’urgenza in ospedale per via di un aneurisma, una vena ingrossata nell’addome che improvvisamente si è rotta causando una emorragia a livello dell’addome.

La faccio breve: al momento è ricoverato al Mauriziano (ospedale di torino centro), è stato operato due volte la notte tra domenica e lunedi, dovrebbe essere passato il peggio (stando ai medici) ma lo stanno comunque seguendo molto da vicino perchè una percentuale di rischio c’è sempre. Stanotte finalmente sono riuscito a dormire un pò di ore, dopo una trentina di ore di quasi veglia.

Grazie a tutti quelli che in questi giorni ci hanno contattato e dato coraggio.

Una cosa è certa: nella sfiga, abbiamo avuto una serie di fortune notevoli che hanno permesso a mio padre di sopravvivere fino a questo punto. E non siamo gli unici a dover “patire” in questo periodo: domenica c’eravamo solo noi,ma già lunedi’ c’erano una dozzina di persone fuori dal reparto di chirurgia vascolare in attesa dei propri cari, insomma i malesseri non tengono conto delle festività.

Update 21 dicembre: situazione stabile, i medici lo tengono ancora in sala dove è stato operato, perchè è ancora intubato e i reni a causa dell’anestesia non stanno funzionando ancora bene, quindi è sotto dialisi. Prima di portalo in reparto per la degenza, aspettano che sia ristabilito un pò di più. Domani probabilmente non andremo a visitarlo, perchè per via delle manifestazioni studentesche (oltre al natale) il traffico sarà probabilmente paralizzato… si vedrà!

Aggiornamenti a seguire.