Screenshot_2014-03-18-21-38-17

Facebook e i video: attenzione ai consumi di banda

Ieri facebook ha introdotto una novità per le applicazioni smartphone (non desktop):

Quando scrollate la bacheca e vi viene visualizzato un video, facebook inizierà automaticamente a riprodurlo, in maniera silenziosa.

Questo comporta un problema per chi è su mobile: un consumo involontario di banda, che potrebbe ripercuotersi sui vostri costi o sulla disponibilità mensile!

Fortunatamente (e ci mancherebbe) è possibile disabilitare questa funzione quando non si è connessi ad una rete wifi, l’opzione è nelle impostazioni dell’applicazione facebook.

Screenshot_2014-03-18-21-38-17

Screenshot 2014-02-25 18.57.05

Telegram, l’alternativa interessante a Whatsapp

Come sicuramente saprete tutti, facebook ha comprato whatsapp per un gozzilliardo di dollari, abbastanza da comprare la Giamaica, fumo incluso.

In queste 24 ore ha fatto notizia la “fuga” di qualche milione di persone verso una applicazione di messaging alternativa chiamata “Telegram“.

Screenshot 2014-02-25 18.57.05

Fuga da whatsapp?

non sono uno di quei tecno-hipster-snob che odiano le cose mainstream o facebook, altrimenti non sarei rimasto su instagram. Però sono stato incuriosito da alcuni aspetti tecnologici che ha l’applicazione:

  • Sicurezza: i messsaggi sono encriptati
  • Architettura distribuita e cloud: significa che il sistema è più solido (almeno in teoria)
  • Api e protocollo gratuito: questo, per i meno tecnici, significa che è possibile costruire applicazioni che sfruttino il sistema, in maniera legittima e agevole.
  • Gratuito: rispetto agli 89 centesimi di whatsapp mi sembra un fattore irrisorio, ma c’e’ gente pidocchiosa parsimoniosa.

Prova su strada

Visto che c’e’ sia per Android che per Iphone, me la sono scaricata e devo dire che non è davvero niente male.

Tanto per cominciare l’interfaccia è sostanzialmente uguale a quella di whatsapp, mi chiedo se non subiranno problemi legali per questo.

Inoltre è veloce, davvero veloce.

Ma la cosa più figa è.. che ci sono già delle interfacce web.  Per esempio c’e’ una applicazione che si installa su chrome e consente di scrivere i messaggi tra cellulare e computer.  Ho trovato anche un client desktop non ufficiale, ma devo ancora provarlo.

Cosa manca rispetto a whatsapp ?

Beh, le persone per ora :D visto che l’applicazione accede alla mia rubrica per controllare chi ce l’ha installata, ad oggi 25 febbraio ho solo 13 persone!

Manca l’invio di messaggio audio registrati, che è una comodità enorme quando si guida o quando spiegare le cose a voce è più facile. Credo che sia nella coda delle implementazioni comunque.

Manca un client per telefoni windows, ma probabilmente anche questo è solo una questione di tempo.

Fortunatamente mancano cagate nippofile, alla “Line messenger”, con faccine strane, emoticon stupidi e in generale un senso di imbarazzo per una cultura che ha generato i samurai, i kaiju e i Osamu Tezuka.

Ci sono invece cani e gatti di sfondo nel background predefinito. Perchè non fa mai male.

Concludendo

Boh, siate pionieri e provatela anche voi, almeno siamo di più a scrivere corbellerie :D

 

Se leggete questo vuole dire…

…che ho lasciato il posto di lavoro a Milano e sono sulla via del ritorno verso il verde e ridente (Tm) Canavese.

Don’t panic!

non sono stato licenziato, ho dato volontariamente le dimissioni perchè ho dato inizio al nuovo emozionante capitolo della mia vita!

Destinazione uk

Senza polemiche  o dissapori verso l’italico stato, ho deciso che era venuto il momento di spiccare il volo. L’otto febbraio prenderò un aereo di sola andata per Londra, dove inizierò i miei colloqui di lavoro, sperando di trovare un impiego :D

A molti potrà sembrare una follia quella di trasferirsi senza un lavoro sicuro, ma è già da circa un anno che stavo pianificando e preparando questo momento,  quindi salvo impedimenti catastrofici, le possibilità ci dovrebbero essere!

Ne approfitto per inaugurare una nuova categoria “UK” del blog. Non è detto che riesca ad aggiornare frequentemente, ma lo spero.

Per completare in bellezza, ecco una gif animata che mi rappresenta.

giphy

 

Affanculo pulse: è ora di passare a Feedly

Dopo un paio d’anni di felice convivenza è venuta per l’ora di abbandonare Pulse: per chi non lo sapesse è un sistema di lettura di fonti web, che era una figata: permetteva di raggruppare per interessi e aveva una navigazione velocissima, oltre ad integrare una serie di funzioni di condivisioni decisamente comode.

Beh, da quando è stato comprato da linkedin è diventato una merda: instabile, pieno di articoli sponsorizzati, non è nemmeno allineata la versione desktop con la versione mobile!

Morale

installato feedly ho proceduto a ricrearmi l’elenco dei miei siti che leggo più spesso, perchè ovviamente in pieno stile “micro$oft” non c’e’ modo di esportare l’elenco dei feed. C’e’ voluta una mezz’oretta, ma ora sono a posto e l’applicazione android ha già tutte le fonti sincronizzate.

Voi mi direte “ma leggi ancora i feed nel 2014″ ? Si, c’e’ un sacco di materiale che viene prodotto in rete e sopratutto nell’ambito in cui lavoro è necessario stare al passo con i tempi. Ovviamente ho smesso di leggere una certa blogsfera, che si è trasferita essenzialmente a spettegolare su facebook o ha smesso del tutto di bloggare.

 

Campagna contro l’abbandono degli animali!

Kijiji contro abbandono animali

Visto che l’abbandono degli animali è stato un aspetto drammatico anche nel 2013, credo che sia giusto supportare questa iniziativa volta  ridurre questa pratica nel 2014.  O poi genitori di merda, se non siete in grado di gestire nemmeno un cucciolo, probabilmente l’unica soluzione valida per voi è una sterilizzazione soft.

Ed ecco un criceto natalizio per indurvi in un mood puccioso. Se volte altre pucciosità, eccovi la fonte!

…anno nuovo, hosting nuovo…

..e per l’occasione ho anche attivato il tema 2013 di wordpress.

Sono passato a webfaction, perchè oramai sto chiudendo il mio vecchio hosting reseller di hostgator. Si trattava di una attività che avevo intrapreso un po’ per curiosità e un po’ per creare un piccolo business alcuni troppi anni fa .

Ora il mio tempo viene dedicato al 100% alla mia professione di SEO. (link alla mia scheda su linkedin)

E se non sapete cos’e’ un SEO… chiedetemelo :D

Adesso inserisco un gatto solo per interessare gli eventuali social-cosi su facebook.

Si, non c’entro assolutamente nulla.

Sfoltimento graduale della rete delle relazioni su facebook: la guida.

Facebook, ultima frontiera. In un viaggio che dura da anni, siamo circondati da una folla di zombie e vampiri che ci asserragliano sul social media più grosso che c’e’.  Diciamo le cose come stanno, è fisicamente impossibile essere amici di tutti: alcune persone le abbiamo aggiunte solo perchè sono fighe/fighi ma poi dopo il contatto iniziale ti accorgi che su facebook si lasciano andare alle peggio cose come affermare che la trigonometria è l’unica religione possibile o peggio che le scie chimiche esistono davvero.

Fortunatamente…

Facebook fornisce già diversi metodi per il controllo del brusio, ma voglio proporvi qualche cosa in più, degli stadi intermedi di filtrazione.

Ricordatevi comunque il potere del “blocco” e sopratutto “report spam”. Sono due cose che danno problemi a facebook, il primo perchè a tutti gli effetti “spezza” il social graph che è uno dei valori aggiunti su cui Zuck fonda la sua evoluzione del sistema e il secondo perchè costringe qualche moderatore ad intervenire e a perderci del tempo (che equivale comunque ad un costo aziendale).

Non tutti sono uguali

Ci sono persone che scrivono benissimo e conversano (online) malissimo. Questo perchè si credono portatori della “ragione assoluta (c)” e quindi chi sei tu imbecille che provi a ragionarci cercando di fargli capire che forse ci sono altre idee da valutare ?

Però ti dispiace bloccarli, perchè ogni tanto scrivono delle cose interessanti. Come fare ?

Misurare il fastidio

Se non lo sapete è possibile crearsi delle “liste di amici” (linketto) dentro le quali chiudere (come un ripostiglio) varie persone con le quali avere una conversazione più segmentata: in pratica facendo uno status update se da “public” lo cambio in una lista tra quelle disponibili (oltre quelle predefinite), lo dovrebbe vedere solo il gruppo di persone che ho selezionato io. Il condizionale è d’obbligo con facebook e visto il casino con l’NSA in america non fate affidamento sulla riservatezza.

Ma nessuno ci impedisce di associare queste liste agli “amici” per tenere traccia del livello di fastidio! In questo modo anche dopo settimane o mesi, sapete che siete di fronte ad un recidivo/a.

Livello 1: “ti sto tendendo d’occhio”

Livello di fastidio 1

Livello di fastidio 1

Per quanto mi riguarda, chi viene selezionato abbinato a questa lista è perchè non è capace di conversare amabilmente, si fa prendere dalla paranoia oppure è un demente che inneggia alla trigometria o al nazifascimo o allo sport in maniera fanatica o i film di muccino. Il vostro metro di giudizio potrebbe variare.  Anche l’invito ad eventi in cui sono distante centinaia o migliaia di chilometri per la sera dopo è uno stimolo a farsi inserire in lista.

A questo livello non ci sono contromisure, è semplicemente un “bookmark del disagio”, quando si hanno mille e più persone tra gli amici comincia a diventare un problema.

Livello 2: “ok adesso piantala”

Livello di fastidio 2

Livello di fastidio 2

Qua le cose diventano già più noiose, il disagio è diventato soffocante per cui si viene inseriti nella lista due. Come potete notare è possibile bloccare gli aggiornamenti selettivamente, in questo caso il capibara lamentoso viene solo notificato dei miei status, mentre per il resto non vede niente. Già il fatto di togliere like e commenti dovrebbe funzionare da anestetico, ma non si sa mai.

Ad ogni buon conto procedo a rimuovere la persona dalla mia soglia di attenzione (cioè il diario) con un’opera di blocco dei suoi status. Il principio è che “se non lo so che esiste, non può farmi male, come un albero che cade nella foresta“. Occhio comunque ai boscaioli.

Come si fa ? (ho preso come esempio Andrea Moro, che è un collega Seo che vive in inghilterra. Andrea è in realtà una persona tranquillissima e non è assolutamente limitato).

Step uno (vedere immagine sottostante) premete sul simbolino nell’angolo e poi cliccate su “non voglio vedere questo”.

Togliamo dal diario, step 1

Togliamo dal diario, step 1

Step 2: a questo punto possiamo selezionare se nascondere l’autore dello status (il povero Andrea) che non comparirà più nel nostro diario. Se invece si tratta di un contenuto ricorrente che viene ripreso a più non posso (dicesi “virale”) possiamo bloccare la fonte (in questo caso “la banca delle Risate”).

infine possiamo motivare la nostra ragione dell’occultamento.

Step 2: bloccate l'autore o la fonte!

Step 2: bloccate l’autore o la fonte!

Facile no ?

Livello tre: “boom”.

in questi casi siamo di fronte ad una persona davvero insopportabile che magari è arrivata a scrivere improperi in privato o semplicemente a spiegarmi perchè la mia idea è sbagliata (!). (oppure è parte di un esperimento, ma io sono un caso a parte).

Block.

Il blocco taglia i contatti, toglie i tag, toglie la visibilità, trancia il social graph. Metaforicamente è come sparargli con un bazooka, magari nel sedere.

Non ci sono notifiche per il block. Non ci sono avvisi che una persona è stata tolta dagli amici. Semplicemente per voi e per lui/lei, smettete di esistere.

controindicazione: se avete amici in comuni, ogni tanto potreste vedere delle conversazioni senza interlocutore.

Se vi continua ad invitare ad eventi: di cui non vi frega nulla, magari il blocco può sembrarvi eccessivo. In effetti anche io la pensavo cosi’… i primi 30 minuti che ero su facebook 6 anni fa. Poi mi sono reso conto che per la maggior parte delle persone siete solo un numero, quindi perchè preoccuparsi “dell’amicizia” di una persona che ti considera solo il risultato della sua attività di marketing ?

Se siete buoni, chiedete di smettere di invitarvi.

Se siete pragmatici, toglietegli l’amicizia.

Negli altri casi: block!

Commenti ?

Numeri, NuMeRI, numERI.

Sembra l’orsa maggiore ma ci sono più stelle della morte

Questo post potrebbe sembrare criptico. Non è nemmeno una buona idea scrivere tra le due e le tre di notte, ma tanto domani è sabato e a parte comprarmi una camicia per un matrimonio (non il mio chiaramente), non ho altri programmi. E il matrimonio perdincibacco.

Ma diamo un pò i numeri:

150

è il cosidetto numero di Dunbar: rappresenta il numero massimo di relazioni sociali che si possono tenere, cito da wikipedia:

Il numero di Dunbar, conosciuto anche come la regola dei 150, afferma che le dimensioni di una rete sociale in grado di sostenere relazioni stabili sono limitate a circa 150 membri.

Questo numero è stato calcolato attraverso studi di sociologia e soprattutto di antropologia, in relazione alla dimensione massima di un villaggio (in termini più attuali meglio definibile come un ecovillaggio). Nella psicologia evoluzionista viene teorizzato che il numero potrebbe costituire una sorta di limite per l’abilità media degli esseri umani di riconoscere dei membri e tenere traccia degli avvenimenti emotivi di tutte le persone di un gruppo. Altre spiegazioni poggiano su valutazioni più economiche e al bisogno dei gruppi di individuare gli elementi parassitari o disfunzionali, in quanto gruppi più grandi tenderebbero a facilitare la presenza di ingannatori o bugiardi.

Non si parla di Social Media, ma di socializzazione e basta. Insomma nella piccola tribù che ognuno si forma, deve saper identificare le persone di cui fidarsi, con cui confidarsi e con cui legarsi.

Più è grande il gruppo, più grande è la presenza (non la possibilità! E’ una certezza!) di ingannatori e bugiardi. (lo dice la wikipedia). Io aggiungerei vampiri e sanguisughe.

2006

ne è passato di tempo!

ne è passato di tempo!

E’ stato l’anno in cui mi sono iscritto a facebook. Molta gente aveva già abbracciato myspace come il “social media definitivo” e ora vedete cosa ne è rimasto. Già da allora facebook mi aveva dato l’impressione di essere progettato incredibilmente bene, mentre myspace era una carretta sbrilluccicante. Per usare una metafora informatica (degli anni 90), era il geocities degli anni 2000.

Diciamo che in sette anni, uno si fa parecchie idee su come funziona questo strumento, ma sopratutto come ragionano le persone.

A marzo del 2007 comunque mi sono iscritto a Twitter.

1263

Gli “amici” sul mio profilo di facebook, ad oggi. E’ una parola grossa, ovviamente. Gli “Amici” quelli con la “A” maiuscola sono molti meno.

25

mesi, da quando ho iniziato un esperimento sociologico sui social media, davvero interessante: un blocco nei contatti di un “gruppo di persone”, più o meno 160-170 su facebook e almeno 60-70 su twitter.

E solo il 10% dei partecipanti (involontari) ha realizzato che è successo qualcosa ed è stato “sbloccato”. E solo il 5% sa quando è iniziato e per quali motivazioni.

L’esperimento pare confermarlo: un like non è una stretta di mano o un abbraccio. La presenza fisica è importante. Se non la si cerca, vuol dire che non c’è una vera “relazione”: sei un numero.

14

settembre 2013. Oggi (tra un po’ di ore) Claudia e Fabiano si sposano :) Congratulazioni!

 

Vegas, meno 4.

No, non è la temperatura, sono i giorni che mancano prima della partenza per Las Vegas, per quello che si annuncia (e si spera) un addio al celibato come mai mi è capitato prima.

Video poker uber alles e altre particolarità

Chiaramente non sono io…

Colui che perde la celib…celic… quello che si sposa, ma sono uno dei 5 pazzi che hanno aderito all’iniziativa di Fabiano. (cioè lo sposo si è organizzato l’addio al celibato. Modernità gente, dovrebbero esistere agenzie di viaggi con pacchetti specifici).

Fabiano in allenamento pre-vegas

Fabiano in allenamento pre-vegas

Il problema è il caldo

Visto che vorrei portarmi l’abito bello (quello che indosserò probabilmente anche la settimana dopo al matrimonio di Claudia e Fabiano. L’abito è un costosissimo completo scuro, davvero molto stiloso, mi fa sembrare un top manager o un killer della mafia russa, però è in LANA, il che vuol dire che è adatto anche un matrimonio in russia, mentre sopra i 27 gradi io “muoro”.

E le previsioni…

Temperature previste...

Ecco. 30 gradi di notte. Vuoi che muoro ?

Altre cose interessanti di cui non vi frega nulla

visto che l’organizzazione è partita a giugno, su FACEBOOK, vi lascio immaginare il disastro dell’organizzare un viaggio che alla fine dura TRE NOTTI, dall’altra parte dell’oceano. Ecco.

Per questa, questa e quest’altra ragione ci siamo trasferiti sul mio account basecamp, che è un ottimo strumento per gestire online i gruppi di lavoro. E gli sciamannati che vanno a Las Vegas.

Ovviament

Ovviamente il maniaco dei to-do sono io.

Ivi giunto abbiamo discusso in maniera ordinata delle varie cose. E poi io mi sono dato alcuni to-do da fare.

Tre notti da Leoni ?

Io intanto inizio a pensare a cosa mettere in valigia e andare un pò in paranoia. Ma ora vado a dormire, che domani mattina mi tocca lottare con i pensionati per prendere il biglietto per fare il routinario esame del sangue. Ma di questo magari parleremo un’altra volta.